La dieta del ghiaccio: perdere peso senza soffrire la fame

Navigando su internet è possibile trovare diversi tipi di diete che assicurano risultati straordinari in pochissimo tempo. Ma in quale misura questo genere di alimentazione è sana?

In questo articolo analizzeremo la dieta del ghiaccio, che è solo una tra le tante. Ma funziona veramente? Può compromettere la nostra salute, e se sì, in che modo?


Ice Diet: che cos’è e come funziona?

La dieta del ghiaccio, anche nota come Ice Diet, è stata inventata da un gastroenterologo, Brian Weiner, e si basa sull’azione del ghiaccio quando è dentro il nostro corpo: sostanzialmente, questo medico è arrivato a capire che un litro di acqua gelata fa bruciare addirittura sulle 160 calorie.

Sempre secondo il suo parere, questo quantitativo di calorie viene bruciato dal nostro organismo nel momento in cui sarà necessario sciogliere il ghiaccio al suo interno. In questo modo si consumano energie e di conseguenza si dimagrisce. Si basa quindi sulla termogenesi indotta dalla dieta.

Per il dottor Weiner il ghiaccio permette di aumentare il senso di sazietà, e può essere assunto sia attraverso cibi freddi (congelati, a dire il vero), che attraverso lo stesso ghiaccio, sminuzzato o a cubetti. In poche parole, sarà necessario consumare solo cibi gelati. Ad esempio, si può prendere un frutto, aggiungerci mezzo litro di acqua e lasciarlo nel congelatore, ottenendo in questo modo tre ghiaccioli da mangiare come snack.

Il dottor Weiner, tuttavia, non si ferma a questo: la principale e unica fonte nutritiva saranno i ghiaccioli, i cubetti di ghiaccio con frutta o verdure, le granite e addirittura i cocktail ghiacciati. Il dottor Weiner afferma che il ghiaccio sia un alimento a calorie negative, ed è proprio questa caratteristica a conferirgli le suddette proprietà dimagranti.


Ice Diet: funziona davvero?

La dieta del ghiaccio rientra tra quelle più assurde che spopolano su internet in questi ultimi anni e che, spesso e volentieri, sono le più pericolose per la salute. Per il suo funzionamento sarà necessario scegliere alimenti con poche calorie e zuccheri, quindi light o fit: quando la fame vi assale, basterà consumare uno dei ghiaccioli di acqua e frutta, oppure cubetti di ghiaccio interi o sminuzzati.

Naturalmente, lo stesso medico ha indicato alcune procedure da seguire per non incombere in certe controindicazioni riguardanti questa dieta:
– non bisogna bere più di un litro di acqua congelata in ventiquattro ore;
– non può essere seguita in estate perché c’è troppo caldo, ma nemmeno in paesi in cui in inverno c’è troppo freddo;
– l’acqua ghiacciata non può essere bevuta dopo aver praticato dell’attività fisica o sportiva;
– non può essere seguita da chi soffre di problemi alle gengive.


I rischi legati a questa dieta sono molti e tra di questo rientra la colica intestinale o l’ipotermia. Inoltre, per perdere mezzo chilo occorrerebbe consumare trenta chili di ghiaccio o di ghiaccioli con frutta e verdura.
Insomma, la sua funzionalità non è garantita se non si vuole ricorrere ad altri tipi di problemi. Per di più è sempre meglio rivolgersi a uno specialista e seguire un tipo di dieta equilibrata, attraverso la quale si dimagrisce lentamente ma senza compromettere la nostra salute.

Potrebbero interessarti anche...