Skip to main content

Dieta Lemme, si dimagrisce mangiando?

Molti personaggi famosi hanno deciso di seguire la dieta Lemme che promette risultati sorprendenti. Secondo l’omonimo ideatore, non è necessario subire le tradizionali limitazioni imposte da altre diete; infatti, è possibile perdere peso senza fare grandi sacrifici e senza integratori. Alla domanda com’è possibile, la risposta esiste ed è più che esaustiva.


Cosa prevede la dieta Lemme?

Il Dr. Alberico Lemme ha sviluppato una nuova filosofia di regime alimentare suddiviso in due fasi. La prima è quella dimagrante che dura solo 20 giorni e può far perdere fino a 10 chili, mentre la seconda serve a mantenere i risultati raggiunti e dura 3 mesi.

Qual è il trucco per perdere peso con questa dieta? Conoscere i principi biochimici degli alimenti e imparare ad utilizzarli nel modo corretto senza sovraccaricare il corpo. Premesso ciò, va altresì aggiunto che chi intende praticare questa dieta può dire addio alla bilancia da cucina per pesare ogni caloria che mangia durante il giorno.

Con la dieta Lemme infatti si dimagrisce mangiando i pasti principali ad un’ora precisa, evitando però certi cibi proibiti che sono la cosa più controversa di questo programma nutrizionale.


Quali sono gli alimenti vietati?

Per rendere efficace la dieta Lemme è necessario limitare l’assunzione di frutta e verdura alimenti che di solito sono consigliati in grandi quantità.

Secondo il dottore che l’ha redatta, il nostro corpo reagisce a questi alimenti producendo grasso in eccesso. Tuttavia è importante sottolineare che i suddetti alimenti possono essere reintrodotti nella seconda fase della dieta. Altri cibi proibiti sono zucchero e dolcificanti, sale, aceto, pane, latte e formaggio.


Gli alimenti consentiti

La dieta Lemme stabilisce che è possibile mangiare tutti i carboidrati e le proteine, ma non insieme. Carne, pesce e pasta conditi solo con olio extravergine di oliva e spezie sono tra l’altro alla base di questo regime alimentare.

Detto ciò, va sottolineato che per massimizzare il risultato è molto importante programmare i pasti. A colazione, è quindi necessario mangiare solo carboidrati ed entro le 9.30 del mattino. Per pranzo e cena bisogna invece consumare pasti rispettivamente tra le 12 e le 14 e tra le 19 e le 21. Durante la giornata si possono tuttavia anche consumare due spuntini: uno tra le 10 e le 11 e l’altro tra le 16 e le 17.


La dieta Lemme funziona davvero?

La dieta Lemme funziona davvero bene come si evince dalle numerose testimonianze rilasciate da tantissimi personaggi del jet-set internazionale e che si sono dichiarati sensibilmente soddisfatti di averla praticata anche per le pochissime limitazioni imposte. Un esempio di dieta Lemme settimanale è quello di seguito elencata:

GIORNO 1
Colazione: pasta con i carciofi
Pranzo: filetto di manzo alla griglia
Cena: branzino al forno

GIORNO 2
Colazione: pasta, olio e pepe
Pranzo: bistecca fiorentina alla griglia
Cena: orata al cartoccio

GIORNO 3
Colazione: pasta con tonno e limone
Pranzo: pollo alla griglia
Cena: sogliola lessata

GIORNO 4
Colazione: pasta, olio e pepe
Pranzo: cernia al forno
Cena: petto di pollo

GIORNO 5
Colazione: pasta al tonno
Pranzo: filetto di vitello
Cena: pesce spada grigliato

GIORNO 6
Colazione: pasta con i carciofi
Pranzo: petto di tacchino
Cena: platessa al forno

GIORNO 7
Colazione: pasta, olio e pepe
Pranzo: branzino al cartoccio
Cena: pollo al forno


Dieta Lemme: l’esempio di Flavio Briatore dimagrito

Tra i personaggi più noti del mondo dello spettacolo ed imprenditoriale uno che ha praticato con successo la dieta Lemme e che continua ad esaltarne i risultati raggiunti è Flavio Briatore, visibilmente dimagrito.

Il programma alimentare giornaliero prevede infatti una grande quantità di cibo spesso carne e pesce, senza sale e ad orari precisi. L’ex team manager di Formula 1 tra l’altro in una recente intervista ha sottolineato che a colazione mangia 400 grammi di spaghetti aglio, olio e peperoncino, a pranzo un’abbondante costata di manzo di 1,2 kg e a cena 700 grammi di asparagi o spinaci.

Da come si evince, la dieta Lemme è tutt’altro che restrittiva per cui il motto “dimagrire mangiando” non nasce per caso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.